CERCA Ricerca avanzata
Segnala il tuo sito nel nostro motore di ricerca Modifica sito  
Newsletter
 
TERRITORIO
  Amministrazione
Cultura
Economia
Eventi
Gastronomia
Hotel alloggi appartamenti
Trasporti
Turismo
 
 
e-shop
 
 
Chi siamo Disclaimer
Informazioni sulla privacy
Richiedi assistenza
TERRITORIO Cerca altri articoli in questa directory
La Storia e la Letteratura del Veneto Veneto: Storia, Letteratura e Cultura
La Storia e la Letteratura del Veneto

Il Veneto è una Regione molto viva culturalmente. La sua è una storia ricca di vicissitudini e di controversie legate al territorio. Controversie che le hanno regalato il confronto con molti popoli e culture differenti.

 

Link sponsorizzati

Storia Moderna 
Nella seconda metà del '400 e agli inizi del '500, Venezia continuò la sua politica espansionistica. Alla vigilia della guerra del 1509, la Repubblica Veneta, fra Stato da Mar e Stato da Tera, costituiva un impero plurietnico. Tanta grandezza non poteva non suscitare le invidie dei numerosi vicini: nel 1508 si formò, una grande coalizione anti-veneziana, nota come Lega di Cambrai, che dichiarò guerra alla Repubblica. Venezia reagì in maniera coraggiosa. Il 14 maggio 1509 ad Agnadello nel cremasco, le truppe venete sono sbaragliate dall'esercito francese di Luigi XII. Grazie alla propria abilità diplomatica la Serenissima riuscì tuttavia in seguito a riconquistare la Terraferma, ritornando sui confini di fine '400. Finito il periodo bellico, nel 1530 iniziò per tutto il Veneto un lungo periodo di pace (almeno fino ad inizio ‘800).

PER APPROFONDIRE
Musei del Veneto
Graticolato
Storia del Veneto

Storia Contemporanea 
Alla fine del XVIII secolo il Veneto fu invaso da Napoleone Bonaparte e da questi ceduta all'Austria. La Repubblica fu quindi divisa in più parti dall'Austria. Il governo austriaco cercò di realizzare un certo benessere per i suoi sudditi. La parte corrispondente all'incirca all'attuale Regione Veneto, rimase così per circa 60 anni, come parte del Regno Lombardo-Veneto, sotto la dominazione dell'Impero Austriaco. Il trattato di pace di Vienna del 3 ottobre 1866 disponeva che la cessione del Veneto al Regno d'Italia dovesse aversi sotto riserva del consenso delle popolazioni. Il dominio di casa Savoia non fu proficuo sotto l'aspetto economico. Alla perdita dei mercati dell'Europa centrale seguì un periodo di crisi economica. Il fenomeno dell'emigrazione riprese nel primo dopoguerra, diretto verso i Paesi dell'America Latina. La Seconda guerra mondiale apportò nuove distruzioni, soprattutto a causa dei bombardamenti aerei. A partire dagli anni ottanta del XX secolo l'emigrazione si esaurì e, da allora, il Veneto è divenuto terra d'immigrazione.

PER APPROFONDIRE
Centro Studi la Runa
Associazione Veneziani nel mondo
Magico Veneto

Cultura
Grazie al suo patrimonio paesaggistico, storico e artistico il Veneto è la regione più visitata d'Italia. Le lingue più parlate sono il veneto e l’italiano. In alcune aree sono parlate il ladino, il friulano e il cimbro. Nel Veneto sono parlate quattro lingue diverse oltre all'italiano. La Regione infatti si caratterizza per una forte conservazione della Lingua veneta parlata. La vivacità della lingua veneta è confermata dal fiorire di iniziative culturali ed editoriali. La riscoperta delle identità storico-linguistiche è stata recenetemente sancita da una legge della Regione, volta alla valorizzazione della Lingua locale. Accanto al veneto e all'italiano coesistono in Veneto diverse aree allofone, friulane e cimbre. Il veneto parlato si divide in quattro macroaree. L'area più vasta è quella centrale, comprendente la provincia di Padova e Vicenza e gran parte della provincia di Venezia: tra i fenomeni più interessanti che la caratterizzano vi è il fenomeno della metafonesi. Questa è invece assente nell'area veneziana. Da sottolineare in quest'area una minore conservazione della vocali atone finali.

PER APPROFONDIRE
Arteven
Fita Veneto
Fotografia nel Veneto

 
La Letteratura e Religione
Tra i primi componimanti in lingua volgare e latino si annovera l'Indovinello Veronese, databile fra la fine dell'VIII e l'inizio del IX sec. Sempre databili al XII secolo d.c. sono i versi d'amore della canzone Quando eu stava in le tu' cathene. Nel Duecento si assiste in Veneto ad un'esplosione di componimenti volti a soddisfare i gusti letterari delle emergenti classi urbane. Particolarmente ragguardevole è la produzione della Scuola Veronese. Secondo la tradizione, fu l'Evangelista Marco ad iniziare la conversione al Cristianesimo delle città della X Regio Venetia et Histria nel primo secolo d.C. Da qui nacque il forte legame fra i veneti e San Marco. Non appena il corpo dell'Evangelista giunse a Venezia, San Marco fu adottato come protettore della Repubblica Veneta che stava iniziando a far valere la propria autonomia rispetto all'Impero Bizantino. L'evangelista comincia a comparire sui vessilli veneti a partire dal XII secolo.

PER APPROFONDIRE
Cultura Veneta
Sito Veneto
Vecioparlar

Copyright © 2004-2015 I contenuti sono di proprietà di Italia Imprese srl - PI 06429581009. Vietato riprodurli senza autorizzazione.