CERCA Ricerca avanzata
Segnala il tuo sito nel nostro motore di ricerca Modifica sito  
Newsletter
 
IMPORT-EXPORT
  Africa-Medio Oriente
Australia-Oceania
Centro-Sudamerica
Consulenza Import Export
Consulenze internazionali
Europa
Interpreti e traduzioni
Istituzioni Import Export
Marketplaces internazionali
Nord America
Russia-Asia
Società import-export
Spedizioni e corrieri
 
 
e-shop
 
 
Chi siamo Disclaimer
Informazioni sulla privacy
Richiedi assistenza
IMPORT-EXPORT Cerca altri articoli in questa directory
Cina ed Estremo Oriente:<br/>Il futuro economico del pianeta passa da qui IMPORT-EXPORT IN CINA
Cina ed Estremo Oriente:
Il futuro economico del pianeta passa da qui

State valutando l'idea di espandervi con l'import-export ma non avete le idee chiare in merito a quali Paesi siano attualmente fonte di forti possibilità di guadagno? Non ci può essere che una risposta: Asia, o meglio, Cina e dintorni

 

Link sponsorizzati

Il potenziale economico e finanziario attuale dei Paesi asiatici, con particolare riferimento alla Cina, che continua a registrare crescite record in ogni settore, fa presupporre che questo sia solo l'inizio di un processo di sviluppo che segnerà la storia moderna.
In effetti ci sono tutte le condizioni perché la Cina ed altri mercati emergenti asiatici, negli anni a venire possano assumere un ruolo guida nel precorrere i tempi e dettare il passo dei processi evolutivi, in ogni settore economico e finanziario.
Esistono diverse ragioni per considerare investimenti sul mercato cinese particolarmente redditizi nel medio termine: l'economia cinese gode oggi di "fondamentali" particolarmente solidi di un mercato del lavoro favorevole alle imprese, di una finanza pubblica sana e di un risparmio crescente da parte delle famiglie.
Inoltre, nelle grandi megalopoli, come Shanghai o Pechino, sta nascendo una nuova classe sociale, che può essere paragonata ai vecchi "yuppies" nati dalle nostre parti con il boom degli anni ottanta.
La caratteristica principale delle nuove figure emergenti è che, per la prima volta in Cina, c'è la possibilità di spendere, il cosiddetto potere di acquisto, che induce ad acquistare tutti quei prodotti che fanno tendenza, non proprio di primaria necessità, e da qui la nascita di enormi centri commerciali ispirati e stracolmi di tutto ciò che fa occidentale.
E' proprio a questo punto che entra in gioco il made-in Italy. I settori che ci riguardano, a fronte della grande passione nutrita dall'esercito di yuppies della new-economy cinese per l'"italian-way-of-living", sono molteplici. Ad esempio, da qualche tempo è molto in voga ritrovarsi nei neonati winebar metropolitani a degustare chianti classico o barolo.
E' opportuno quindi segnalare alcuni siti di aziende italiane che promuovono ed organizzano eventi correlati all'import-export nel mondo di prodotti alimentari italiani come Organizzazione Vittorio Caselli, che ha recentemente organizzato "Food & China Beijing 2003", importante manifestazione fieristica in Cina che tratta prodotti italiani alimentari, vini, alcolici e bevande.
Altra azienda italiana, romana per l'esattezza, interessante da segnalare è Cinacom, specializzata nell'offrire una moltitudine di servizi a tutte le aziende interessate ad entrare nel grande mercato cinese. Si occupa di fornire assistenza nei contatti con le ditte locali e nella fornitura di interpreti. Organizza inoltre la partecipazione a fiere internazionali e ne cura la parte burocratica e logistica. Si occupa infine di ricerche di mercato e di assistenza logistica per l'apertura di eventuali uffici di rappresentanza sul posto.
Italasia invece è il sito di un'associazione con sede a Torino, istituita per promuovere ed assistere le PMI italiane nei rapporti commerciali con i paesi asiatici. La promozione commerciale si realizza attraverso specifici programmi che vengono deliberati dalle aziende consorziate sulla base delle potenzialità che si riferiscono a ciascun settore e paese/mercato. Il Consorzio Italasia è presente presso le più importanti fiere asiatiche dei principali settori. Inoltre, grazie ai propri uffici esteri ed accordi di collaborazione, i consorziati sono costantemente informati sui mercati asiatici sia da un punto di vista economico che da quello tecnico-operativo.
Portale degno di nota è China-Italy online, che offre ai visitatori italiani e cinesi un database di aziende che espongono i propri prodotti e servizi. E' in lingua sia italiana che cinese e dà la possibilità, a chi ne fosse interessato, di mettersi in contatto con le singole aziende per stabilire magari rapporti di collaborazione .Sono inoltre disponibili svariate risorse informative accessibili dalla home page. Quando il visitatore cinese o italiano raggiunge il nominativo di un'azienda che opera nel campo di suo interesse, o che offre un prodotto o servizio specifico, può visualizzare liberamente una breve descrizione dell'attività aziendale e una scheda con Ragione Sociale, indirizzo, numeri di telefono e fax.
Per ultimo, ma non ultimo, ciliegina sulla torta, un sito istituzionale ricco di informazioni e consigli utilissimi per approdare in questo enorme Paese stracolmo di risorse: Camera di Commercio Italiana in Cina, ben strutturato e sempre aggiornato. Si descrive da solo visitandolo, cliccate ed ogni porta vi sarà aperta!
Da tutto questo dunque, si deduce che improntare un'attività di import-export nella realtà economica "dagli occhi a mandorla" è uno dei business più lungimiranti del momento e che le possibilità di guadagno sono enormi, anche in virtù delle previsioni molto rosee per il futuro.

Copyright © 2004-2015 I contenuti sono di proprietà di Italia Imprese srl - PI 06429581009. Vietato riprodurli senza autorizzazione.